La hýbris del traduttore

LynseydePaulIeri, mentre lavavo i piatti, ascoltavo il giornale radio su BBC Radio 4. Si parlava della morte di Lynsey de Paul, una cantante che non conosco. La speaker a un certo punto dice che qualcuno l’ha definita “a Renaissance woman”. E lì mi viene un colpo.
Mi ritorna alla mente un libro da me tradotto ormai due anni e mezzo fa, il cui protagonista viene si autodefinisce “Renaissance boy”. E ora sono sicura di aver sbagliato a tradurlo. Mi asciugo le mani, prendo il computer e alla voce “Renaissance” del Ragazzini online leggo:

(fig.di persona di culturaRenaissance man, uomo eclettico

Io l’avevo tradotto con “rinascimentale”. Perché non mi era venuto in mente di cercarlo sul vocabolario. Certo che significa anche rinascimentale. E certo che l’immagine di un uomo di cultura rinascimentale richiama anche alla mente di un lettore italiano l’immagine di una persona eclettica dai numerosissimi interessi. Ma in italiano non è un modo di dire, in inglese sì. Il mio è stato un calco dovuto alla pigrizia e a un’eccessiva sicurezza nella mia conoscenza dell’inglese.

Bisognerebbe cercare sul vocabolario, googlare termini, frasi, nomi di luoghi e personaggi alla ricerca di collocazioni e immagini, anche le cose che già conosciamo o pensiamo di conoscere, per verificare se è una scelta dell’autore o un modo di dire che ignoravamo. Ne ignoriamo tanti nella nostra stessa lingua madre, figuriamoci in una lingua straniera, per quanto bene possiamo conoscerla.

12 thoughts on “La hýbris del traduttore

  1. Pingback: La hýbris del traduttore | Editoria e tr...

  2. Pingback: La hýbris del traduttore | un articolo d...

  3. Pingback: La hýbris del traduttore | Traduzioni e ...

  4. In mezzo a tanti aspiranti traduttori che non hanno tradotto un tubo e gongolano nel trovare errori nei lavori altrui, è bello leggere una traduttrice brava che ammette serenamente un errore (che a tutti capita di commettere) proprio, traendone spunto per una riflessione utile a tutti. Inequivocabile segno di professionalità e fiducia nei propri mezzi. Stima.

    Mi piace

    • Grazie! Fosse solo uno! Questo mi ha colpito per la distanza di tempo e la modalità. Un altro tempo fa l’ho scoperto mentre insegnavo un corso di traduzione, grazie a uno studente. E anche in quel caso era perché non mi ero disturbata a fare ricerche convinta di conoscere, o di poter azzardare, la soluzione.

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...